Assopadana Sistema
La missione di Assopadana è quella di dare valore al mondo dell'artigianato ed alla piccola e media impresa.
Assopadana CLAAI
Spesso i problemi di un artigiano non c’entrano, con il lavoro di un artigiano.
Assopadana Servizi
Una consulenza per la sicurezza sul lavoro può salvare una vita ed è un aiuto che può rendere grande l’impresa.
Assopadanafidi
Una Garanzia per diventare grandi insieme
Clone of Assopadana Sistema
La missione di Assopadana è quella di dare valore al mondo dell'artigianato ed alla piccola e media impresa.
News

Assopadana-Claai, la quarta associazione dell’artigianato della Provincia di Brescia, è nata del maggio 1998 e da subito ha aderito alla C.L.A.A.I. (Confederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane).
Assopadana, libera associazione interprovinciale dell’artigianato e delle piccole imprese è un soggetto politico sindacale diverso dalle altre organizzazioni, sia per il suo modo di agire snello e vivace, sia per le risposte che da alle aziende associate.
 

E’ il centro servizi dell’associazione, cioè quell’organismo che eroga tutti i servizi alle aziende associate, utilizzando la professionalità del proprio personale specializzato e quella di professionisti convenzionati. 

La Cooperativa di garanzia Assopadanafidi è lo strumento creditizio di Assopadana-Claai, posto al servizio delle imprese artigiane e delle pmi ad essa associate. Assopadanafidi prosegue il suo cammino di sostegno e di incentivazione allo sviluppo produttivo favorendo l’accesso al credito. Ricerca le opportunità più convenienti offerte dal mercato finanziario, promuove attraverso una consapevole sinergia con gli istituti di credito presenti sul territorio iniziative ad “hoc” per soddisfare le esigenze di ciascuna impresa.

Verolanuova - Corso di aggiornamento per addetti all'utilizzo di Carrelli Elevatori industriali Semoventi

Destinatari: 

Titolari, dipendenti, collaboratori che utilizzano per la propria attività il carrello elevatore.
Nei confronti dei lavoratori stranieri i corsi dovranno essere realizzati previa verifica della comprensione e della lingua veicolare e con modalità che assicurino la comprensione dei contenuti del corso di formazione.

Obiettivi: 

Assolvere l'obbligo di aggiornare la formazione pregressa (composta da modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dell'apprendimento) come previsto dall'Accordo Stato - Regioni per l'utilizzo delle attrezzature di lavoro (art. 73 del D.Lgs 81/08 - Accordo Stato Regioni del 22.02.2012.

Contenuti: 

Contenuti conformi a quanto disposto dall'art. 73 del D.Lgs 81/08

  • L'utilizzo del carrello
  • La manutenzione
  • La verifica giornaliera
  • Il carico e lo stoccaggio
  • La circolazione
  • Argomenti relativi ai moduli pratici previsti dall'Accordo Stato Regioni del 22.02.2012

 

Durata e orario: 

4 ore di formazione teorica di cui 3 ore relative ai moduli pratici

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante, valido su tutto il territorio nazionale.

Riferimenti Normativi: 

Art. 73 comma 1 D.Lgs. 81/08: "Nell’ambito degli obblighi di cui agli articoli 36 e 37 il datore di lavoro provvede, affinché per ogni attrezzatura di lavoro messa a disposizione, i lavoratori incaricati dell’uso dispongano di ogni necessaria informazione e istruzione e ricevano una formazione e un addestramento adeguati, in rapporto alla sicurezza relativamente:

a) alle condizioni di impiego delle attrezzature;
b) alle situazioni anormali prevedibili.
 

Data Esecuzione: 
Gio, 24/05/2018 - 13:30

Corso di formazione teorico - pratico per addetti alla conduzione di carrelli industriali semoventi, carrelli semoventi a braccio telescopico e carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi

Destinatari: 

Titolari, dipendenti, collaboratori che utilizzano per la propria attività carrelli industriali semoventi, carrelli semoventi a braccio telescopico e carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi.

Nei confronti dei lavoratori stranieri i corsi dovranno essere realizzati previa verifica della comprensione e della lingua veicolare e con modalità che assicurino la comprensione dei contenuti del corso di formazione.
 

Obiettivi: 

Il corso ha lo scopo di formare i lavoratori nell’utilizzo del carrello elevatore, ad individuare le situazioni di maggior rischio ed intraprendere quelle azioni necessarie per operare in sicurezza.

Contenuti: 

Modulo giuridico – normativo (1ora) 
• Presentazione del corso: cenni sul quadro normativo di riferimento (art. 36-37 art. 73 del D.Lgs81/08);
Modulo Tecnico (7ore) 
• Tipologie e caratteristiche dei vari tipi di veicoli per il trasporto interno; 
• Principali rischi connessi all’impiego di carrelli semoventi; 
• Nozioni elementari di fisica: valutazione dei carichi movimentati, concetto di stabilità statica e dinamica e influenza dovuta alla mobilità del carrello.
Portata del carrello elevatore; 
• Tecnologia dei carrelli semoventi;
• Componenti principali: Forche e/o organi di presa, montanti di sollevamento. Posto di guida con 
• descrizione del sedile, degli organi di comando, dei dispositivi di segnalazione e controllo, freni. Ruote 
• e tipologie di gommatura. Fonti di energia. Contrappeso. 
• Sistemi di ricarica batterie; 
• Dispositivi di Comando e di sicurezza;
• Le condizioni di equilibrio: fattori che influenzano la stabilità;
• Controlli e manutenzioni: verifiche giornaliere e periodiche;
• Nozioni sui possibili rischi per la salute e la sicurezza collegati alla guida del carrello ed in particolare ai rischi riferibili: 
o All’ambiente di lavoro; 
o Al rapporto uomo/macchina; 
o Allo stato di salute del guidatore; 
• Al termine dei moduli teorici si svolgerà un prova di verifica consistente in un questionario a risposta multipla;
Modulo pratico (8ore) 
• Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze;
• Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di 
  uso del carrello;
• Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione del carrello, presa del carico, trasporto nella varie situazioni, sosta del carrello, ecc..) 

Al termine del modulo pratico si terrà una prova di verifica finale per ogni partecipante. 

 

Durata e orario: 

16 ore di formazione di cui 8 di formazione pratica

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante, valido su tutto il territorio nazionale.

Riferimenti Normativi: 

Art. 73 comma 1 D.Lgs. 81/08: "Nell’ambito degli obblighi di cui agli articoli 36 e 37 il datore di lavoro provvede, affinché per ogni attrezzatura di lavoro messa a disposizione, i lavoratori incaricati dell’uso dispongano di ogni necessaria informazione e istruzione e ricevano una formazione e un addestramento adeguati, in rapporto alla sicurezza relativamente: 

a) alle condizioni di impiego delle attrezzature; 
b) alle situazioni anormali prevedibili
.

 

Data Esecuzione: 
Gio, 17/05/2018 - 13:30

Verolanuova - Corso di formazione per addetti PEI - PES PAV

Destinatari: 

Tecnici addetti alla manutenzione degli impianti elettrici fuori tensione e addetti ai lavori in tensione su impianti fino a 1000V a.c. (Categoria 0 e I). I partecipanti dovrebbero conoscere i principi di base dell’elettrotecnica. 

Contenuti: 

• Inquadramento legislativo, T.U. 81/08, norme CEI;
• protezioni sovraccarico;
• protezione da cortocircuito; 
• tipologie di interruttori automatici; 
• tipologie di interruttori a B.T.;
• impianti a terra, contatti accidentali; 
• contatti indiretti;
• protezione contro i contatti indiretti, sistemi TT e TN;
• contatti indiretti;
• sistemi IT;
• lavori elettrici; 
• lavori elettrici fuori tensione; 
• lavori elettrici in prossimità e sotto tensione; 
• direttive macchine;
• quadri a bordo macchina, concetti di sicurezza.
• Esempi di Piani di Manutenzione: elenco delle operazioni da eseguire e indicazioni della frequenza (Quadri, Strumentazione, Connessioni, Comandi, Protezioni).

 

Durata e orario: 

16 ORE

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante, valido su tutto il territorio.

Riferimenti Normativi: 

Il D.Lgs. 81/08 (Art. 82) ha sancito l’obbligo per il datore di lavoro, di riconoscere l’idoneità dei lavoratori nel caso di lavori elettrici sotto tensione secondo le indicazioni della normativa tecnica. Nel caso specifico la normativa di riferimento è la norma CEI 11-27, che fornisce gli elementi essenziali per la formazione degli addetti ai lavori elettrici. La norma prevede inoltre che il datore di lavoro attribuisca per iscritto il livello di qualifica ad operare sugli impianti elettrici che può essere di persona esperta (PES), persona avvertita (PAV) e l’attestazione della idoneità a svolgere lavori “sotto tensione su impianti a bassa tensione”

Data Esecuzione: 
Mer, 25/10/2017 - 13:30

Verolanuova - Corso di Formazione per Datore di Lavoro che intende svolgere direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi - Livello di Rischio Basso

Destinatari: 

Datori di lavoro che intendo svolgere direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi, secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008, art. 2 comma 1 lette. b)

Contenuti: 

CONTENUTI DEL CORSO:

MODULO 1. NORMATIVO - GIURIDICO
• Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori;
• La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa;
• La responsabilità “penale-amministrativa” degli enti ai sensi del D.LGS. N. 231/2001,
• Il sistema istituzionale della prevenzione;
• I soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo il D.Lgs. 81/08: compiti, obblighi, responsabilità;
• Sistema di qualificazione delle imprese.

MODULO 2. GESTIONALE—GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA
• I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi;
• La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi;
• La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori;
• Il documento di valutazione dei rischi (contenuti specificità e metodologie);
• Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza;
• Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione;
• Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza;
• La gestione della documentazione tecnico amministrativa;
• L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze;

MODULO 3. TECNICO - INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI
• I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione;
• Il rischio da stress lavoro - correlato;
• Rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi;
• I dispositivi di protezione individuale;
• La sorveglianza sanitaria.

MODULO 4. RELAZIONE - FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI
• L’informazione, la formazione e l’addestramento;
• Le tecniche di comunicazione;
• Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda;
• La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
• Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Durata e orario: 

Livello di Rischio Basso 16 ore. Il monte ore di formazione da frequentare è individuato in base al settore ATECO 2002 di appartenenza, associato ad uno dei tre livelli di rischio, così come riportato nell’Allegato 2 (individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002-2007).

Codici Ateco 2007 delle aziende a Basso Rischio:
Uffici e Servizi, Commercio, Artigianato e Turismo
G (45, 46, 47) I (55, 56) K (64, 65, 66) L (68) M (69, 70, 71, 72, 73, 74, 75, 77, 78, 79, 80, 81, 82) J (58, 59, 60, 61, 62, 63) R (90, 91, 92, 93) S(94, 95, 96) P (97, 98) Q (99).

Le novità introdotte dal Nuovo Accordo Stato Regioni prevedono che:
- Un datore di lavoro, la cui attività risulti inserita nei macro settori Ateco a rischio medio o alto, secondo quanto individuato dalla tabella dell’accordo del 21 dicembre 2011, può partecipare al modulo di formazione per datore di lavoro che svolge i compiti del servizio di prevenzione e protezione relativo al livello di rischio basso, se tutti i lavoratori svolgono esclusivamente attività appartenenti al rischio basso; se tale condizione viene successivamente meno, il datore di lavoro è tenuto ad integrare la propria formazione, in numero di ore e contenuti, avuto riguardo alle mutate condizioni di rischio dell’attività dei propri lavoratori.
- Un datore di lavoro, la cui attività risulta inserita nella tabella dei macro settori Ateco rischio basso, deve partecipare o integrare la formazione per il datore di lavoro, che svolga i compiti del servizio di prevenzione e protezione relativo al livello di rischio medio o alto, se ha al suo interno lavoratori che svolgono attività appartenenti ad un livello di rischio medio o alto.

 

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato di frequenza individuale ad ogni partecipante con verifica di apprendimento. Il riconoscimento del corso ed il rilascio delle certificazioni viene compiuto nei modi e nei termini indicati nelle circolari regionali.

Riferimenti Normativi: 

D.Lgs. 81/2008, art. 34 Accordo sancito il 21 dicembre 2011 in sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Bolzano, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012

Data Esecuzione: 
Mar, 18/07/2017 - 17:30

Bieffe Auto Srl - Citroen

Categoria: 
Automobili - Furgoni
Fornitore Convenzione: 

Bieffe Auto Srl - Citroen

Verolanuova - Corso di formazione per Lavoratori - Rischio Medio

Destinatari: 

Lavoratori.
Il presente percorso formativo può costituire riferimento anche ai soggetti di cui all’art. 21, comma 1 del D.Lgs. n. 81/08, tenuto conto di quanto previsto dall’art. 21, comma 2, lettera b) del decreto legislativo n. 81/08.

 

Obiettivi: 

Il modulo di formazione generale costituisce credito formativo permanente.
Con riferimento ai lavoratori è previsto un aggiornamento quinquennale di durata minima di 6 ore per tutti e tre i livelli di rischio individuati ai sensi dell’Allegato 2 del presente Accordo.

Contenuti: 

(da valutare secondo le mansioni esercitate, lo specifico contesto lavorativo, tenuto conto della valutazione dei rischi, delle procedure e le prassi operative in vigore in azienda):

Per la formazione generale
1. Concetti di rischio,
2. Danno,
3. Prevenzione,
4. Protezione,
5. Organizzazione della prevenzione aziendale,
6. Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali,
7. Organi di vigilanza, controllo e assistenza.

Per la formazione specifica
1. Rischi infortuni
2. Meccanici generali
3. Elettrici generali
4. Macchine
5. Attrezzature
6. Cadute dall’alto
7. Rischi esplosione
8. Rischi chimici
9. Nebbie - oli - fumi - vapori - polveri
10. Rischi cancerogeni
11. Rischi fisici
12. Rumore
13. Vibrazioni
14. Radiazioni
15. Microclima e illuminazione
16. Videoterminali
17. DPI organizzazione del lavoro
18. Ambienti di lavoro
19. Stress lavoro correlato
20. Movimentazione manuale carichi
21. Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi trasporto)
22. Segnaletica
23. Emergenze
24. Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico
25. Procedure esodo e incendi
26. Procedure organizzative per il primo soccorso
27. Incendi e infortuni mancati
 

 

Durata e orario: 

Il percorso è strutturato in una formazione generale ed in una specifica. La formazione generale ha una durata non inferiore alle 4 ore per tutti i settori, e deve essere dedicata alla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro, come specificato alla successiva voce Contenuti.
La formazione specifica ha una durata minima di 4, in funzione dei rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alla conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda, ovvero in base alla classificazione dei settori di cui all’allegato 2 al citato Accordo (Individuazione macro categorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002-2007):

• 12 ore per i settori della classe di rischio medio;

Durata minima complessiva dei corsi di formazione per i lavoratori, in base alla classificazione dei settori di cui all’Allegato 2:

• 4 ore di Formazione Generale + 8 ore di Formazione Specifica per i settori della classe di rischio medio:

TOTALE 12 ORE
 

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato di frequenza. Il riconoscimento del corso ed il rilascio delle certificazioni viene compiuto nei modi e nei termini indicati nelle circolari regionali.

Riferimenti Normativi: 

D. Lgs. 81/2008, art 37, comma 2 Accordo sancito il 21 dicembre 2011 in sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012.

Data Esecuzione: 
Lun, 28/05/2018 - 13:30

Verolanuova - Aggiornamento Formazione Lavoratori

Destinatari: 

Lavoratori.
Il presente percorso formativo può costituire riferimento anche ai soggetti di cui all’art. 21, comma 1 del D.Lgs. n. 81/08, tenuto conto di quanto previsto dall’art. 21, comma 2, lettera b) del decreto legislativo n. 81/08.

 

Contenuti: 
  • Approfondimento giuridico normativi;
  • Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori;
  • Aggiornamentio su organizzazione e gestione della sicurezza in azienda;
  • Fonti di rischio e relative misure di prevenzione;
     

 

Durata e orario: 

Aggiornamento minimo previsto di 6 ore nel quinquennio.

 

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato di frequenza individuale ad ogni partecipante con verifica di apprendimento. Il riconoscimento del corso ed il rilascio delle certificazioni viene compiuto nei modi e nei termini indicati nelle circolari regionali.

Riferimenti Normativi: 

D. Lgs. 81/2008, art 37, comma 2 Accordo sancito il 21 dicembre 2011 in sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012.

Data Esecuzione: 
Mar, 23/10/2018 - 14:00

Corso di Integrazione per Datore di Lavoro che intende svolgere direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi (da aggiornamento basso rischio ad aggiornamento medio rischio - 4 ore)

Destinatari: 

Datori di lavoro che svolgono direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi che hanno già frequentato il corso di aggiornamento RSPP e che ora devono integrarlo secondo quanto previsto dal nuovo Accordo Stato Regioni del 07 luglio 2016.

Contenuti: 

Non devono essere riprodotti banalmente argomenti e contenuti già proposti nei corsi base, ma si devono trattare significative evoluzioni e innovazioni, applicazioni pratiche e/o approfondimenti, nei seguenti ambiti:

- Approfondimento tecnico-organizzativo e giuridico-normativi;
- Gestione e organizzazione della sicurezza;
- Decreto legislativo 231/01: la responsabilità amministrativa dell’impresa;
- Decreto legislativo 81/08: Art. 30 modelli di organizzazione e di gestione;
- Approfondimenti riguardanti la valutazione dei rischi;

L’aggiornamento quinquennale deve consentire di specializzare la propria formazione rispetto ai rischi effettivi legati alla propria attività o al proprio settore produttivo di riferimento.

Durata e orario: 

4 ore 

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato di frequenza individuale ad ogni partecipante con verifica di apprendimento. Il riconoscimento del corso ed il rilascio delle certificazioni viene compiuto nei modi e nei termini indicati nelle circolari regionali.

Riferimenti Normativi: 

D.Lgs. 81/2008, art. 34, Accordo sancito il 21 dicembre 2011 in sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Bolzano, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012 e Accordo sancito il 07 luglio 2016 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Bolzano pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 193 del 19 agosto 2016.

Data Esecuzione: 
Gio, 26/01/2017 - 13:30

Corso di Integrazione per Datore di Lavoro che intende svolgere direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi (da aggiornamento basso rischio ad aggiornamento alto rischio - 8 ore)

Destinatari: 

Datori di lavoro che svolgono direttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi che hanno già frequentato il corso di aggiornamento RSPP e che ora devono integrarlo secondo quanto previsto dal nuovo Accordo Stato Regioni del 07 luglio 2016.

Contenuti: 

Non devono essere riprodotti banalmente argomenti e contenuti già proposti nei corsi base, ma si devono trattare significative evoluzioni e innovazioni, applicazioni pratiche e/o approfondimenti, nei seguenti ambiti:

- Approfondimento tecnico-organizzativo e giuridico-normativi;
- Gestione e organizzazione della sicurezza;
- Decreto legislativo 231/01: la responsabilità amministrativa dell’impresa;
- Decreto legislativo 81/08: Art. 30 modelli di organizzazione e di gestione;
- Approfondimenti riguardanti la valutazione dei rischi;

L’aggiornamento quinquennale deve consentire di specializzare la propria formazione rispetto ai rischi effettivi legati alla propria attività o al proprio settore produttivo di riferimento.

Durata e orario: 

8 ore 

Certificazione rilasciata: 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato di frequenza individuale ad ogni partecipante con verifica di apprendimento. Il riconoscimento del corso ed il rilascio delle certificazioni viene compiuto nei modi e nei termini indicati nelle circolari regionali.

Riferimenti Normativi: 

D.Lgs. 81/2008, art. 34, Accordo sancito il 21 dicembre 2011 in sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Bolzano, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 del 11 gennaio 2012 e Accordo sancito il 07 luglio 2016 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Bolzano pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 193 del 19 agosto 2016.

Data Esecuzione: 
Gio, 19/01/2017 - 13:30
Condividi contenuti

Training Center